Skip to main content

Chi siamo

LOGO BLU SCRITTA BLU FONDO BIANCO 300
CHI E’ IL CSI:

un’associazione senza fini di lucro costituita a Roma nel novembre del 1944; diffusa su tutto il territorio nazionale attraverso 154 Comitati provinciali e 20 comitati Regionali.

  • costituito dalla adesione della società sportiva che è soggetto attivo dell’indirizzo associativo e della verifica democratica, una libera associazione motivata dalla decisione dei soci di vivere l’esperienza sportiva secondo la visione dell’uomo e dello sport alla quale il CSI si ispira.
  • diretto da organismi locali e nazionali. Si tratta dei Consigli Provinciali, Regionali eletti democraticamente ogni quattro anni rispettivamente dai Congressi provinciali delle società sportive e dagli omologhi Congressi Regionali e Nazionale.
  • considera lo sport, nel suo Progetto associativo, come esperienza a forti valenze socio educative inserito nell’ambito delle attività culturali, formative e del tempo libero, offrendo il proprio servizio a tutti i cittadini ed a quelle realtà che ne condividono gli indirizzi e le norme statutarie (Patto Associativo).
  • opera attraverso strutture proprie, i Comitati locali, in sede provinciale, regionale. La presidenza ed il Consiglio Nazionale hanno sede a Roma, Via Conciliazione 1.
  • nella realizzazione dei propri fini collabora con le istituzioni locali, educative e sociali ed opera affinchè lo sport sia riconosciuto come diritto sociale.
LA STORIA DEL CSI
Il Centro Sportivo Italiano è la più antica associazione polisportiva attiva in Italia.
Nel 2014 ricorre il settantesimo anniversario dalla fondazione, che risale al 1944, su iniziativa della Gioventù Italiana di Azione Cattolica.
Idealmente si voleva proseguire l’esperienza della FASCI (Federazione delle Associazioni Sportive Cattoliche Italiane), creata nel 1906 dall’Azione Cattolica Italiana e sciolta nel 1927 dal regime fascista.
Oltre un secolo di storia, durante il quale la pratica sportiva si è trasformata da fenomeno di èlite a fenomeno di massa.
In tutti questi anni un impegno costante, una ragione di fondo semplice quanto delicatamente gravosa: sostenere uno sport che vada incontro all’uomo.